Storia di un cucciolo d’orso

Contrassegnato con
Pubblicato il da
romanticavany23789213Un orsetto di nome King aveva deciso di trasferirsi dal bosco in un paesino.
Si annoiava, tra gli alberi e le agnelline che gli ronzavano attorno ed un bel giorno aveva fatto fagotto e si era incamminato per vedere quel che c'era al di fuori del suo bosco.
Ora, è necessario sapere che non si trattava di un orso come tanti, per prima cosa era vegetariano, si nutriva di miele, di funghi, di noci, frutta, uova e nocciole; poi, era un orso molto romantico.
Quando c'era la luna piena, ad esempio, saliva sul promontorio ed intonava canzoni d'amore. Anche quel giorno, mentre percorreva la strada per raggiungere il paesino, aveva deciso di non smentire la sua natura di gentil-orso, ed aveva iniziato a raccogliere dei fiori da regalare agli abitanti del paesino.
Fatto stà che arrivò al paese già all'imbrunire. In mano, aveva un grosso mazzo di fiori di campo; sulla sua spalla, un fagottino e sul suo volto un gran sorriso.
Quando gli abitanti lo videro, però, non lo accolsero come l'orso avrebbe sperato, c'era infatti chi urlava da una parte, chi dall'altra, chi portava i bambini nelle case e chi cercava il riparo nelle cantine.. e più l'orso si sforzava di sorridere più la gente diceva: "Hai visto che ghigno famelico??". Mentre qualcun'altro osservava: "Guarda, guarda come cerca di nascondersi dietro quei fiori!". Oppure, si chiedevano "..e quel fagottino poi, chissà a chi l'avrà rubato??". Insomma, più si sforzava di fare una buona azione, più la gente fraintendeva e lo etichettava come orso cattivo.
L'orso era
scoraggiato, ma sapeva che nella vita non bisogna mai arrendersi.. e così, alla prima notte di luna piena, da un promontorio vicino al paese, si esibì intonando una splendida canzone d'amore. Il paesino si riempì di canto. Le prime ad affacciarsi dalle case furono le ragazze in età da marito, poi seguirono i bambini e gli anziani. Ogni abitante del paese, anche il più ottuso, fu pian piano rapito dalla melodia e seguendo il dolce canto arrivò all'orso. La sorpresa fu talmente grande che, da quel giorno, l'orso divenne cittadino onorario e da quel momento tutti smisero di aver paura di lui. 
AUGURI KING! :)

SLURP!

Contrassegnato con
Pubblicato il da
Dietro casa mia esiste un luogo più che mai  incantato: l’orto.
L’orto è ogni giorno da vivere, e da vedere.
Dal colore rosso dei pomodori,
al verde gambo delle carote e dei sedani.
Dalle viola melanzane, alle cipolle tropee appese al muro del capanno.
Dall’oro arancio delle zucche, ai neri grappoli d’uva sui filari.
Il basilico, il
prezzemolo e il rosmarino
mi accolgono sempre con il loro profumino.
L’insalata poi, tutta ricciolina, s’imperla di rugiada la mattina.
Un incanto, un sogno, l’orto – un piccolo paradiso terrestre
..tutto da mangiare!

romanticavany2132134

Splendore

Contrassegnato con
Pubblicato il da

romanticavany12321432 Entrammo in quel bosco pieno di neve,
gli alberi erano architettura cosparsa di ghiaccioli
i nostri visi, gelati
il corpo, intirizzito;
osservammo tutto quel fiorir di bianco,
i nostri occhi scintillavano
negli specchi d’acqua ghiacciata

eravamo impaurite quando d’improvviso,
spuntò un rosso, caldo, raggio di sole.
Rimanemmo ammutolite ed abbagliate
da tutto quello Splendore.



Amo la libertà

Contrassegnato con
Pubblicato il da
romanticavany891203819 Uno gnomo molto elegante
passeggia piano piano
tra le piante.
Ha visto ali leggere volare
e con il retino
le vuol catturare.

Il sole che l’ha seguito
di verde e d’oro s’è rivestito
e piano piano
m’ha sussurrato: corri, scappa,
proteggi la tua libertà.

Subito sono fuggita
rassicurata e saggia
dondolo ora tra i rami
davanti alla spiaggia
mentre lo gnomo elegante
passeggia ancora tra le piante