Al suono d’un carillon


Pubblicato il da

Al suono d’un carillon
rattoppati pensieri,
vaneggianti emozioni,
sogni di castelli in aria;
tutto è bisticcio in me
che come bambina
dal buio impaurita
cerco chissà quali
nascosti tesori;
e poi le vetrine
di fuori, le garrule risa
della gente incosciente.
nella sua veloce follia
con sé mi conduce
sulla sua via.Lungo le strade
che del Natale
han già messo su
gli ammennicoli,
fra lucentezze
di presepi e stelle,
scorge l’occhio mio
un epilogo di vita:
infreddolito un malato
- nello spazio d’un momento
di lucidità apparente -
il proprio male cova,
lo riconosce
e con triste rassegnazione
lo nasconde
a sé stesso anche
dall’anima tirando fuori
uno sghembo sorriso.

Chiara e frivola
alla fine nulla perdona
la vita; e la favola
con tanta cura intessuta
presto in coriandoli al vento,
e non sai davvero
come sia potuto accadere.
Gl’affetti che ben stretti
con vitale coraggio
oggi in seno proteggo
già domani forse
non saran più
di questo mondo.
Del mio caro mondo
di piccole certezze.

di Romantica Vany & King Lear


l’antica disputa

Contrassegnato con
Pubblicato il da

di Romantica Vany & King Lear

Io
impudica,
vulnerabile fuoco,
tra le spire
d’un fluido calore
condotta,
d’esser distrutta
sì, d’esser libera
prepotente ora
io prego.

Tu
nel tuo furore
nutri desio
d’annegare,
proprio nel centro
di quel mio calore
ch’è il perenne tuo delirio,
dimenticando sempre
che il mare
sposa altro mare.

Sussurri,
adulazioni
a non finire;
da te plasmata
in distorta
onda intrigante
tra le due dita,
benché disarmata
scivolo via.

Bocche,
occhi e mani,
e segreti presagi
commuovono la mente
nell’insopportabile attesa
del piacere di domani.
Dalla notte dei tempi
per gl’amanti così è
l’antica disputa
che ogni cosa
seco trascina via
tra palpiti e sospiri,
tra istintive mosse
tentando
lo scacco matto.
Oh, quale speme
d’amor lusinghiera.


Un po’ di zukkero

Contrassegnato con
Pubblicato il da
Il mare tace
la pioggia cade
dimenticarmi di te,
non son capace.
La luna è lucente,
il mare è splendente..
Piange l’onda
quando lascia la sponda
Piango anch’io
quando sarò costretta
a dirti addio.
Vorrei essere il sole
per svegliarti ogni mattina
e la luna piena per
accoglierti ogni sera.Quando non ti capisco
comprendimi.
Quando non ti ascolto
scusami.
Quando ti dico no
perdonami.
Quando ti dico amami
amami.
romanticavany1320