:)

Contrassegnato con
Pubblicato il da
romanticavany123908 Quando mi abbronzo, la pelle si colora e sa di cocco; i capelli rubano le onde al mare e le mie labbra hanno il sapore della frutta. Mi sento la persona più felice del globo terrestre e cerco di godermi ogni momento, perché l'estate mi piace troppo! ♥

30 pensieri su “:)

  1. Riprendo un po' il pensiero di chi mi ha preceduto e aggiungo un blog, oltre che bello e colorato, anche fantasioso, frizzante, gioioso e pieno di vitalità.
    Cara Vany, in questa poesia ci sei tutta tu, bravissima!

    un abbraccio pomeridiano
    annamaria*  

  2. Posso confermare che è una vera delizia la mia lingua lasciar scivolare sulla pelle vellutata e abbronzata di Vany. Su di lei scopro il sapore del cocco, del sale e del mare; la più dolce frutta tropicale è sulle sue labbra che cantano "Tintarella di Luna". Ma io la prendo la mia Agnellina quando vien la notte perché agli orsi polari il sole non piace granché. :-D

    Non fate confusione, questa è una mia recente foto, io sono quello bello piccolo e bianco, quello da coccolare, non sono quello nero e brutto e con la barba. :-D

    orsetto di VaNY

    o

  3. hai proprio ragione: l'estate è una stagione bellissima, che ci fa sentire bene proprio per il calore del sole, i colori, il cielo azzurro, le vacanze…Un sacco di cose fantastiche!

  4. Ciao Tesoro! Adoro l'estate e stare a crogiolarmi al sole,gli ultimi giorni di lavoro e poi…..
    Vacanzeeeeee,!Notte truciola!

  5. sempre solare, dolce Vany, lasciamoci baciare dal sole… felice giornata tesoro, baci
    p.s.: splendido il tuo commento di ieri, grazie

  6. Arrivo a ringraziare ,dolcissima Vany, con il solito ritardo per il tuo bel passaggio augurale! A te , quindi , ora, il mio augurio di una splendida giornata!
    Se l'estate ha questo effetto su di te ,sul tuo corpo…ebbene VIVA L'ESTATE!!! Una bbraccio forte e un bacio grande!!Lucio

  7. Suvvia, Ciccina, avrò sì e no spostato un paio di virgole. E per questo dovrei prendermi la metà esatta della paternità della tua poesia? Non sia mai, Ciccina. Per due virgole cambiate di posto non si strappa dal cuore una poesia a una bella bimba come te.

    Sono io che ti devo ringraziare per avermi fatto ridere con la tua poesia tanto vera quanto ironica. Solo tu potevi scriverla così ed è così che mi piace, perché riflette me e te.

    Ti loVVo, Agnellina

    orsetto di VaNY

  8. Tu dici che ci sono troppo cose che non vanno bene. Hai ragione. Io che sono più realista (o pessimista) dico invece che non c'è niente che funzioni più qui in Italia.
    Non è tanto il fatto di essere ghiotti di un prodotto, è invece una questione di salute oltreché di qualità: il latte italiano lo buttiamo, prendiamo però quello brasiliano congelato. Con questo ci fanno le mozzarelle di bufala spacciate per italiane e vendute a caro prezzo. Il latte che viene utilizzato non è italiano, non è fresco, è congelato. E chissà cos'altro. UNA VERA PORCHERIA. Come per le mozzarelle di bufala che non sono mozzarelle, tutto il made in Italy è stato oramai contraffatto, dagli italiani stessi. Napoli che avrebbe dovuto proteggere un prodotto tipico come la mozzarella di bufala l'ha contraffatto e l'ha portato sulle tavole degli italiani. Tutto questo è a dir poco schifoso.

    La farina, il lievito, i pomodori, la mozzarella, i funghetti, sono tutti prodotti del tuo orticello? Non credo. Sono prodotti che tu reputi buoni acquistati in buona fede sui bancali del supermercato, perché ti assicurano che sono buoni e genuini.  Il parmigiano, anche quello è stato contraffatto. Il pecorino anche. Non lo sai, Ciccina, che cosa stai utilizzando. La "genuinità" è purtroppo limitata alle tue manine che impastano la pizza, ma degli ingredienti non puoi aver certezza. Poi viene sù uno scandalo e scopri, magari, che i pomodori utilizzati che ti avevano assicurato essere calabresi sono invece del Marocco!
    Per non dire poi dei Würstel. L'adulterazione su questi prodotti è ai massimi livelli. C'è stata una diatriba infinita, per via dei polifosfati aggiunti. Che come ben sai fanno malissimo alla salute. In America che i Würstel vengono mangiati a ogni ora del giorno,  sono uno dei prodotti che più fanno ingrassare la popolazione con pesanti ripercussioni sul sistema cardiocircolatorio.

    Non sappiamo quello che ci danno da mangiare. E' questo il punto.
    Solo se avessi un tuo orticello e da esso traessi tutti i prodotti che ti servono per vivere, forse solo allora potresti dire che mangi sano.

    Dolce notte, Ciccina ♥ ♥ ♥

    orsetto di VaNY

    P.S.: Sì, è vero, è fresco stasera. E' la serata ideale per una pizza fatta con le tue manine.


  9. Il racconto si basa su un altro racconto di William S. Burroughs, che per immediatezza non è il massimo; ma è un massimo della Letteratura americana.

    Dunque io partendo da un breve molto breve racconto di Burroughs, ho scritto "La ragazza del Poeta". E' un racconto di fantasicienza, possiamo dire così. :-)

    Che accade?
    William S. Burroughs uccise per errore la moglie con un colpo di pistola partito accidentalmente, mentre era strafatto di droga. Accadeva tra gli anni 40 e 50, e per la precisione con la seconda moglie, Joan Vollmer. Burroughs era gay, ciò nonostante si sposò due volte. Con Joan, un giorno, giocando fatti di droga al Guglielmo Tell, William le sparò. Mancò la mela sulla sua testa. Insomma la uccise. Fu un tragico incidente. Che Burroughs non si perdonò.

    Il personaggio del racconto insegue la ragazza, Eleanor. Questa è morta. Ma per il personaggio del racconto, che idealmente è William Burroughs, essa è viva, o perlomeno così gli sembra. In realtà è un fantasma.
    Inseguendola si addentra in un negozietto di Pompe Funebri, che è gestito da gay, da efebi – in origine gli efebi erano giovani che davano piacere agli uomini facoltosi della civiltà greca. Una volta nella Pompe Funebri gli viene detta la verità. Lui non accetta che Elenaor possa essere solo un fantasma. Poi, non si sa se sia sogno o realtà, ma scopre di essere morto anche lui, tanto tanto tempo, nel lontano 1920 quando stava attraversando la strada per inseguire Eleanor. Il prete esegue una funzione funebre tutt'altro che benedetta, che però ha la funzione di far riconoscere al personaggio (che sarebbe poi Burroughs) la sua omosessualità.

    E questo è tutto, detto in termini molto banali.
    Il racconto è intricatissimo, è vero. Questo perché è scritto imitando lo stile particolarissimo di William S. Burroughs; non a caso si tratta di un ampliamento e di una rivisitazione di una idea di Burroughs. Io l'ho riscritto ex novo e ho aggiunto molto del mio, ovviamente. Il risultato è quello che hai letto, un racconto ricco di rimandi alla letteratura della beat generation, in particolare a quella di Burroughs e Ballard, anch'esso scrittore sopra le righe. Burroughs fantascienza? Per comodità diciamo di sì, ma non è vero. Burroughs non lo si puo' inserire in un filone preciso. Troppo geniale, troppo al di sopra di tutto, delle convenzioni sociali ed estetiche, perché lo si possa etichettare.

    Se non conosci Burroughs e le sue opere, be', ammetto che era difficile comprendere appieno il racconto, che comunque ti ha lasciato un senso di amarezza dentro. Hai intuito che è una storia tragica, densa di fantasmi e di paure inconfessate proprie degli anni Cinquanta, della caccia alle streghe – cioè ai comunisti e agli omosessuali -, di repressioni, di ingiustizie sociali.

    Povera la mia Cucciolina. Quattro volte l'hai dovuto rileggere. ^__^

    Spero che con il racconto che ho postato adesso non sarai costretta a rileggerlo così tante volte. E spero tu conosca Oscar Wilde, perché si parla proprio di lui, in una chiave fantascientifica, diciamo pure così per convenienza, quindi altro racconto cervellotico. :-D

    Buona nanna, Agnellina del Tuo Unico e Solo Orsetto

    E non fare incubi, orsetto tuo veglia su di te sempre con arcobaleni e magiche aurore. Non hai da temer nulla.

    SmAAAcccKKK

    orsetto di VaNY

  10. Ciao Vany! Stai cucinando???Fai le cose per bene perche' sono esigente.
    hehehehehehehehe,bacissimi gioiamia,ti auguro tanti sogni belli

  11. Il problema di fondo, che ci portiamo appresso da innumerevoli legislazioni, è poi sempre lo stesso: mancano i controlli sulla qualità dei prodotti immessi sul mercato.
    Se diverse legislazioni non hanno fatto nulla per tutelare il made in Italy, ci sarà pure un perché. Avanzo una ipotesi: non è forse che a qualcuno conviene che il mercato italiano sia colonizzato da prodotti dannosi? Il dubbio sorge spontaneo.

    Dormi pure. Fa' sogni belli. ♥

    orsetto

    P.S.: Ti hanno paparazzata. L'orsetto è entrato nei tuoi sogni e li ha fotografati. E' davvero un bel paradiso quello che c'è nel tuo cuoricino. Mi fai venire con te?

  12. Adesso un pò meno, ma c'è stato un periodo che gli oli abbrozzanti al cocco spopolavano ad ogni pertugio di spiaggia. Ora son tutti più "sofisticati". Mentre le ciocche si schiariscono ancora, s'arruffano, si intrecciano e quasi impazziscono. Se no non si divertono, e per fortuna non necessitano di protezioni di alcun tipo :-)
    Ma buon mare Vany !!! Kisssesss * 

  13. Ciao Vany!!! Caffettino insieme che piu' lo mandi glu e piu ti tira su….ihihihhi
    Credevo di essere in ferie da oggi……invece no lunedi si lavora ancora,uffi
    Buon week fiorellino

  14. Odio il sole
    Per colpa sua
    mi stai lentamente
    dimenticando
    Una tintarella 
    conta forse
    più d'un orsetto
    se non proprio bello
    innamorato di te però
    tanto tanto?

    Ahio Ahio Ahio
    che dolore
    Chi l'ha detto
    che un cuor di orso
    sol dorme e dolore
    non prova mai?
    Chiunque l'abbia
    spacciata per mari
    e monti 'sta bugia
    è certo che non ha
    mai amato né conosciuto
    l'animale giocosità
    dell'orso buono

    E tu che m'hai
    conosciuto
    e che sol ieri
    giuravi e spergiuravi
    che mai, che mai e poi mai
    mi avresti abbandonato,
    oggi col primo sole
    mi hai condannato
    a fare il buffone
    tra le sbarre
    d'un ben triste circo

    :'(

    orsetto tristiSSimo :'(

  15. Ti auguro la buonanotte con questa stupenda canzone, The Way You Look Toonight, un duetto, Tony Bennett e Stevie Wonder. Leggende della grande musica, Ciccina.

    orsetto di VaNY