U ARE

Contrassegnato con
Pubblicato il da

romanticavany-favolascrittoreSei la realizzazione
di un istante
che vede il tempo
dentro il libro
il tempo che
non ha tempo
non ha inizio
non ha fine
e quando comprendi
l’attimo senza fine
realizzi che ti stai
annoiando
perché sei capriccioso
non sai mantenere
l’armonia tra cultura
e la voglia di…
amarmi fino
in fondo
Sei un uomo
e con te devo
fare i conti
se ti voglio
tutto per me
 

37 pensieri su “U ARE

  1. fra gli alti e bassi della vita, la poesia dell'amore trasporta la tua consapevolezza nei sentieri della saggezza.

    Un caro abbraccio.

  2. Capita con gli uomini molto impegnati, cara Vany, però il bello è che quel tempo che dedicano è molto interessante.
    Bella poesia, ti auguro la buonanotte.

    bacioni
    annamaria*

  3. non vi sono uomini con cui non devi fare i conti….e se vi sono sono una lagna…
    notte piccolina
    cinzia

  4. Bellissimo questo post!
    Dicono che noi donne siamo complicate ma anche fare i conti con il modo di ragionare e di comportarsi di un uomo non è affatto semplice!
    Sono diversissimi da noi ma oltre a farci terribilmente inkazzare riescono anche a trovare il modo per farci squagliare e renderci felici!
    Probabilmente se fossero perfetti non proveremmo tutto questo e non sarebbero così speciali!

  5. QUESTA POESIA E' MIA, NEL SENSO CHE VANY, LA MIA AGNELLINA, L'HA REGALATA A ME A ME E A ME SOLTANTO CHE SONO IL SUO ORSETTO.

    TVTTB CUORICINO D'ORSETTA

    orsetto di VaNY

  6. Ciao Vany!!!Bellissimo fare i conti…ehehehehe,era la scusa che prendevo la sera con i miei bimbi per mandarli a nanna,per poter poi rimanere soli io e il mio amore
    Baciotti tesoro.Felice giorno

  7. Grazie ,cra Vany, sono ancora in tempo per augurarti una splendida giornata . specie  se riesci a …far  quadrare i conti  con il tuo amato Orsetto! Un abbraccio! Lucio

  8. Più fornaio che papaboys, dici?
    Quindi assomiglierei più a lui…

    Mi levo subito il copricapo. Qualsiasi cosa pur di non assomigliargli.

    Buon pomeriggio, Fiorellina

    orsetto di VaNY

  9. E' un racconto grottesco, un po' sulla falsariga di quel grottesco tanto tipico nella letteratura di Dino Buzzati.

    http://www.italialibri.net/autori/buzzatid.html

    Lui sì che era un vero massimo della Letteratura da meritatissimo Premio Strega. Dovresti leggere almeno i suoi Sessanta racconti, con il quale vinse il premio nel 1958.

    Ciò detto, il racconto è tanto grottesco quanto surreale. Qui si afferma la non esistenza del Bene e del Male, per cui Paradiso ed Inferno non sono altro che illusioni, tanto più macabre perché i personaggi coinvolti nella storia lo sanno con assoluta precisione che "l'aldilà" non esiste. In pratica tu pensa a un robot: questi funziona sin tanto che i suoi pezzi meccanici sono a posto, dopodiché si ferma. L'uomo è poi null'altro che un robot biologico: i suoi organi si ammalano e l'uomo muore. Fine.

    Il nano è l'incarnazione della prosmiscuità, degli errori commessi da Madre Natura: è brutto nell'aspetto, è brutto nei pensieri che pensa.

    Chiaro che i porci non volano, così com'è chiaro che un uomo non puo' girare la testa a 360 gradi. E' il teatro dell'assurdo quello che metto nero su bianco. E questo teatro ha palco e attori qui sulla Terra, non altrove, in un mondo immaginifico: è essenziale capire che l'Assurdo appartiene alla nostra mente, al cervello, e quando questo muore finiscono i mondi che ci siamo immaginati e anche quelli a cui non abbiamo creduto. Noi siamo il Principio e la Fine: dei robot biologici che una volta guasti si terminano. Punto e basta. Nessuna redenzione. Nessuna anima. Forse solo il ricordo di che cosa siamo stati in quanti verranno dopo di noi, ma limitamente alla loro memoria: una volta che i posteri ci dimenticheranno di noi rimarrà esattamente Niente.
    Hai idea di quanti milioni di uomini sono morti da 8.000 anni a questa parte?
    Bene.
    Di quanti di loro sai qualcosa?
    La realtà è grottesca di per sé.

    Direi che ti ho depressa a sufficienza.

    Adesso provo a prendere col lazo uno dei tanti porci con le ali che mi scagazzano sul balcone, così stasera porchetta.

    Smaaackkk

    orsetto di VaNY