Buona Primavera Zukkerini!

Contrassegnato con
Pubblicato il da
romanticavany089

Primavera.
Non è altro che un suono,
non è altro che un sentimento
chiuso nelle mie speranze
attaccato al romanticismo
all'estasi profonda
che si rinnov
a
al rinverdire di questo poema
che mi prende la mente,
che mi prende il corpo,
l'ora più solare
che m'incatena,
vento invisibile
sciarada infinita
che mi abiti il cuore
di te, amor, mi prendo
il vizio che portentoso avanzi
in tutto il mio avvenire.
love0f08e142b7b9642fb96fe001b673d9fa


di King Lear

Contrassegnato con
Pubblicato il da


Geloso, Goloso
Di te, di te solamente
Quando ti penso
capisco che son malato,
malato forte, di mente
Così geloso, così goloso
Se ti puntano con lo sguardo
vedo rosso, non capisco più
se una differenza c’è
tra il bene e il male
So soltanto che li spezzo
Son pazzo, sì, che male c’è?
Così geloso, così goloso
Così sexy quando agitata
non mi vedi più e minacci
di spedirmi in psichiatria
Così dannatamente sexy
quando mi rifili un biglietto
di sola andata per l’inferno
Geloso – oh sì, perché non dovrei!
Delle tue bianche carni così affamato
Non è forse vero che le grandi guerre
si son mosse per fame della più bella?
Farò cadere le mura di quest’ospedale
e ti strapperò via a pazienti e primari
Colpevole di pazzia
ti farò capire
una volta per tutte
che se dovessi perder te
di me nemmeno le ceneri
da disperdere al vento
Colpevole di pazzia
farò cadere le mura di quest’ospedale
Quando ti penso
capisco che son malato,
malato da tanto tanto tempo
Così geloso, così goloso
Così geloso, così goloso
Oh sì, l’han detto anche al telegiornale
C’è un pazzo in libertà e tu sai chi è
Geloso, Goloso
Di te, di te solamente
C’è un pazzo in libertà e tu sai chi è
C’è un pazzo in libertà e tu sai chi è
C’è un pazzo in libertà e tu sai chi è

di King Lear
 


Dedicato A Mio Padre

Contrassegnato con
Pubblicato il da
Papà,
Pippo Baudo è molto più vecchio di te
e non ha le rughe.
Berlusconi pure,
ma tu, papà ne hai tante
per tutte le fatiche
che hai per noi vissuto.
Tu che sei uragano a primavera,
fischio d'uccello
e schiocco di fronde,
tu che sei specchio
dentro il mio specchio
hai incantato gli occhi
miei di bimba
tu, che travolgi
la dimensione del tempo
anche se hai i capelli bianchi
una bella panza
ed una bollettite permanente,
papà mi dispiace,
ma è così che ti voglio
in tridimensione.
romanticavany.123234234123  

Auguri a tutti i papà del mondo!
..e buon onomastico a tutti i Giuseppe ;)


Un giorno importante :)


Pubblicato il da
romanticavany789789231Mi sembra così strano, ancora non me ne sono realmente resa conto! So solo che è stata una mattinata di tensione assoluta, spezzata dall'affetto e dalle battute dei miei amici, il mio "gruppo di supporto", dall'appoggio dei miei familiari.
Mi aggiravo come un'anima in pena col mio bel volume rilegato in pelle blu, col mio tailleurino in blue, i capelli raccolti, incapace di tener ferme le mani, lanciando di tanto in tanto sorrisini qua e là alle persone care che avevo intorno a me.

Quando hanno chiamato il mio nome ho sentito il cuore battermi forte nelle tempie.. a grandi passi sono entrata spedita nella sala conferenze, ho salutato la commissione e tutto il resto lo ricordo a stento, qualche pausa e una gran voglia di raccontare tutta la tesi. L'emozione più grande è stata sentire, tra gli applausi, il presidente di commissione conferirmi il titolo di Dott! :)


Stars

Contrassegnato con
Pubblicato il da
[C’erano le stelle. Mi guardavi negl’occhi. Sciabordio dolce dal mare. Le mie labbra incollate alla tua pelle saporosa di sabbia. Di sale. Tu mi guardavi forte, mi facevi perdere. Avrei voluto fuggire; ma tu mi guardavi, mi guardavi e c'erano le stelle e la voce del mare.]
 
E il vento leggero si posava sui tuoi capelli mentre dal mare salivano voci di sirene e tritoni: Poseidone rintuzzava la lor arditezza, ma io m'ero già in te inabissato per non riemergere se non a tuo comando
 
[Mai i miei occhi avevano visto sì tanto splendore! Tu eterna collera e dolcezza che dal mare. Tu vento che echeggia nell’intimità di deificate conchiglie. Tra gli Dèi ondeggiavi, tu. Tu che chiedevi sol d’esser adorato. Mai le mie dita avevano conosciuto il tuo grande potere. Tra scintillii e siderali accecamenti sull’equoreo specchio increspato, selvaggio come i cavalloni contro scogli e faraglioni, furbo come Poseidone godevi catturando e possedendo la mia timidezza bambina. Ti guardavo dentro agl’occhi e nell’orecchio ininterrotto mi giungeva il frangersi delle onde sulla battigia. Dall’impetuosità del mare venivo imparata ad amare.]

Non fu facile, certo, amar di me il fiato pazzerello che di tanto in tanto mi dà voce alla bocca. Eppur, tu, paziente imponevi il silenzio colle tue labbra incollate alle mie, perché più non dicessi sciocchezze; perché di te e soltanto di te mi prendessi cura, senza aver pensiero per la politica e i suoi tanti babelici impicci. Non potei che arrendermi a te, e lasciar che il mare lavasse via dalla battigia i ghirigori col dito tracciati per disegni sociali – utopie impossibili. Fu così che compresi che l'isola più bella è quella d'una donna, romantica sino in fondo…

romanticavany-23890

di Romantica Vany e King Lear


famefamefamefame


Pubblicato il da

Mi piace il mercato del contadino per la bellezza delle fresche verdure, questa lattuga è tanto bella che potrebbe essere un ibrido fiore ma è un commestibile come le erbe in fiore ed i germogli, bontà verdi.
E ora che è quasi primavera ogni pasto è composto di questi vitamine e minerali, per me è difficile scegliere il favorito ma se dovessi scegliere sarebbe  rucola selvatica, radicchio, cavolo e crescione… ora ditemi quali sono i vostri verdi preferiti?
 

 

Dolcissima serata e buona cena

 

Il Tuo Profumo – di King Lear


Pubblicato il da
Mi piace la scia di profumo
che ti lasci dietro il sederino
quando da me ti allontani
fingendo un bye bye a mai più

Mi piace quando scalci e scalci
Mi spezzi le gambe e sorridi felice
Prima di te non avrei creduto
che una bimba potesse tanto,
mettermi kappò su due piedi

Col sole in fronte canti e stoni un po'
In chiesa nel coro sei tu la più carina
che i fedeli guardano ammaliati e il prete pure
Guardare e non toccare il tuo comandamento
e chi non ci sta finisce steso come me
infermo in un infermo di cerotti e gessi

Prima di te nessuna mai m'aveva picchiato
Prima di te nessuna m'aveva dato buca
Era scritto che mi facessi volare dalla mia strada
Il tuo profumo ci ha messo un secondo,
e stordito son caduto dalla bicicletta intero sì
ma battendo la testa per sognare un angelo
Per trovarmi faccia a faccia con le tue labbra

romanticavany789789789

Mi piace la tua bellezza acqua e sapone,
quel tuo modo così unico di mettermi in riga
Prima di te, prima di te ero uccel di bosco
Adesso giro per casa in pantofole
e mi consumo il cuore al tuo minimo ritardo
Mi hai insegnato cosa vuol dire la paura…
di perderti, di non trovarti più accanto a me

Prima di te, prima di te nessuna mai, nessuna mai

di King Lear


Un complimento


Pubblicato il da
romanticavany987879546Siccome il mio Orsetto stava tornando da Londra dopo 10 giorni e, visto e considerato che mi dice sempre che sono un Agnellino puro e candido, volevo che il nostro incontro fosse davvero speciale. Così ieri sera ho preparato una bella sorpresa: qualcosa di romantico, però anche molto molto erotico… ho trasformato la mia stanza in una specie di boudoir. Non ho trascurato nessun dettaglio: candele ovunque, una playlist davvero rovente, una finta pelle di leopardo per coprirmi, può sembrare una cosa ridicola.. ma ero sicura che lui avrebbe capito il mio gesto. E così è stato. Dopo i preliminari a dir poco torridi abbiamo fatto il bagno insieme, avevo messo anche specchi anche lì così ci siamo potuti vedere mentre facevamo l'amore in piedi bagnati. "Sembriamo sul set di un film porno", mi ha sussurrato sorridendo, e detto da lui l'ho preso come un complimento! :P Ora spero se lo ricordi e non mi chiami più Agnellino ma porcellina :)


Anche oggi, nevica

Contrassegnato con ,
Pubblicato il da
romanticavany2389734
Anche oggi nevica,
bianchi e nevosi i prati,
ghiaccio in azzurri fossati,
alberi dai rami piantati
come radici nel cielo,
comignoli fumanti,
uccellini infreddoliti
che planano all'indietro
cielo selvaggio brulicante
di fiocchi di neve
bianchi e puri, candidi,
precedono la sera;
chiudo gli occhi,
sotto il lampione,
tutto sembra
una favola antica!