La più bella


Pubblicato il da

romanticavany_unghietteLa più bella
 di Giuseppe Iannozzi aka King Lear
[ a Vany che mi ama con gioia e mi sorride sul serio ]


 E’ ovvio che sei tu
che corri per venirmi incontro
sotto la pioggia a baciare
le mie labbra piangenti di bagnato
Certo che sei tu la bimba bella
che mi scompiglia la barba annacquata
con unghie ben affilate di rosso smalto
Sei sempre tu riflessa
dentro alle pozzanghere
nell’occhio del ciclone
in quello della luna e del sole
Sei sempre tu che mi tormenti
Che sul tuo tenero seno
mi addormenti come fossi
un bambino troppo stanco
d’esser stato tanto a lungo
non amato
Sei sempre tu che mi spingi
al sorriso sotto la pioggia,
senza ombrello e cervello
Sempre tu, sempre tu, sempre
Sempre a schizzarmi di felicità
in un letto di pioggia, di fresca
gioia dal cielo piovuta
senza che neanche Dio
sappia immaginar il perché
  


accanto a te


Pubblicato il da

romanticavany_321_jujol

In riva al mare
accanto a te
posso sentire
la tua pelle
il tuo respiro.

Guardo le tue mani
e penso al piacere che provo
quando mi sfiori.
E’ bello stare accanto a te
anche se non mi parli.

Tu disegni soli, lune
e stelle di sabbia
e sorridi, sorridi sorpreso
quando ti guardo
e non ti accorgi
che la musica copre
i forti battiti del mio cuore.

Dove sono i baci che non mi dai?
Tra le onde inquiete del mare,
o tra le pieghe dell’alma mia?
Forse riposano nelle tue carnose labbra
mentre mi canti ritornelli d’Amore.

romanticavany2349789872134


vivi istanti


Pubblicato il da
romanticavany213234234Danzan vagando le note
in questo caldo meriggio d’Estate
gioia in petto mi corre.
D‘eterno Amore
ha il sogno l’essenza, il profumo,
che sulla pelle mia si posa.
Cantan gli uccellini
soffia una leggera brezza
tutto splende
estasi per i miei occhi
che guardano rapiti
la bianca luce
e questi vivi istanti.
Fiorito, tutto il viver
alla vita mi lega
riposano i sensi e lo spirito
mentre i miei gattini dormono.
romanticavany2341231
romanticavany2341231

Ben tornato


Pubblicato il da
romanticavany324321Alla fine il cugino di Sara non mi piace per niente.
Con lui  ho capito quanto è importante Orsetto che oggi, al mare, si è presentato in tenuta da Bagnino e mi ha chiesto di parlare. Allora sono salita sul suo pattino. Lui cercava di essere serio, ma rideva sotto i baffi ed io non capivo perché, fino a quando mi ha fatto notare che il mio costume nero ed il mio corpo erano pieni di chiazze arancioni: era stato l’asciugamano nuovo che avevo comprato si era stinto.

Fremendo di rabbia mi sono tuffata per lavare le macchie, ma, soprattutto, per scappare da lui! Mi vergognavo di essermi comportata da sciocca. Stavo per tornare a riva a nuoto quando ho sentito la sua voce alle mie spalle: "Ti dò una mano a ripulirti".

Non riuscivo a respirare, le sue mani mi accarezzavano le spalle ed i fianchi. Il suo tocco era leggero e delicato, mi ha acceso il desiderio: la sua bocca si è avvicinata sempre più alla mia e mi ha baciata a lungo. Gli ho sussurrato – Ben tornato!.