1 Settembre

Contrassegnato con
Pubblicato il da
Ho spiato per un anno le tue parole
che sono come filari carichi d’uva dolce
prima della vendemmia.
Ho riempito cassettine
mentre nubi livide ed annebbiate,
color magenta,
s’addensavano in groppi tinti d’invidia.
Non ho mai pensato
che il nostro feeling gracidante
lasciasse tracce
eppure, le tue parole, così imperiose
di cui non m’appago
sono mal intese.
Ed io mi ritrovo
come gli ombrelli smarriti nelle chiese
sol perché han costruito su noi
una storia privata
mai accaduta.
Forse qualcuno spiandoci
inventa e reinventa
l’avvento e l’improbabile
il vuoto e il pieno
il sereno e le nubi
la luce e il buio.
Ed è appunto qui, che ti trovo, oh poeta
tu che brilli di luce chiara
nel buio.

romanticavany8123791233Cherry Cherry Boom Boom

33 pensieri su “1 Settembre

  1. quando decidi di scrivere poesie sei davvero brava! I tuoi testo sono sempre avvolti da quella femminilità che conquista, da quel velo di saggezza e vita che colora ogni parola, quasi fosse un profumo che vive tra il canto della tua pelle.

    Un caro abbraccio.

  2. Photobucket

    sol perché han costruito su noi

    una storia privata

    mai accaduta.

    *****

    Se “certi” comportamenti con relative energie fossero spese in positivo, quanto bene farebbero al mondo.

    ****

    Qualcuno inventando…

    ti ha ispirato a scrivere versi bellissimi.

    Un abbraccio!

  3. Eh sì…è lì che ci ritroviamo…tra le emozioni e parole stinte di una poesia che scivola su di un foglio bianco a colorarne i contorni…

    Un abbraccio e buona settimana…Lia

  4. … amore non è una parola vuota e senza senso. 

    Non c’è amore, ma solo un bisogno egoistico

    se non si ascolta l’altro.