Stelle Di Luce


Pubblicato il da
4874E adesso baciami.
Che la tua bocca
si posi sulla mia pelle.


Scoprimi,
sfiorami i capelli,
che tra le tue dita si intrecciano
accarezzami le palpebre,
mentre sento il tuo sguardo rapito.

Brividi d’ombra e pudore
sulle mie guance arrossate.
Assapora la curva del collo,
gustalo a piccoli morsi,
e il mio battito
si fonde con il tuo,
ancora, e ancora.

Soltanto con le labbra
percorri il mio corpo.
E quando sarai sazio della mia pelle
ti aspetterò tornare
a rubare il fiato alla mia bocca
ricamando stelle di luce.

41 pensieri su “Stelle Di Luce

  1. Giusto finale ad una serie di bei post! Molto bella e delicata anche questa poesia :) Sei davvero brava :)

    Ma… questa è la conclusione dell’invito a cena del post precedente? ;o)

  2. se prendi una matita acuminata e la prolunghi all’infinito a mò di uncinetto puoi intessere i migliori ricami, da far invidia alla scuola fiorentina :)

    “Red Passion” anche per le stelle, che tanto ne hanno bisogno. Buona domenica Vany *

  3. Fiuuu…sembra essere lì e partecipare. Una luminosa girandola di romantici e passionali momenti. Buon fine settimana cara Vany.

  4. bellissima, ti ruberei le parole, quasi quasi … posso? le linko a te ovviamente!!

    Ci sono giorni, come oggi, in cui che sento il peso del cielo sopra di me.

    LUPA

  5. Che bel componimento

    complimenti vany

    Buona domenica a te!

    Qui il tempo è bellissimo, c’è un sole primaverile :D :D

    Bacio

  6. mammamia quanti post!! *_*

    sono stato via pochi giorni (grazie a telecom) e ho un sacco di roba da leggere :D

    stanoz dovrei avere tempo sufficiente per immergermi nei tuoi post ^_-

    questo sprizza passione e poesia da tutti i pori, ammazza! ;DDD

    Image Hosted by ImageShack.us

    un bacione, cucciola ;******

  7. Scrivo poesie

    Scrivo poesie

    perché non ho una buona mira

    con la pistola, né ho pallottole

    e cervello abbastanza

    per prendere il coraggio d’andar fuori,

    completamente fuori di testa

    e mettere a soqquadro questa sporca città

    di ruffiani trampolieri e mangiatori di fuoco

    Scrivo con il nero dell’inchiostro

    Il rosso, be’, ne ho disgusto

    Il mio lato sensibile

    me lo fa immaginare uguale al mestruo

    Giù al saloon hanno fatto secco lo Smilzo

    Aveva poco più di vent’anni e la fedina più sporca

    d’una fogna di peste e topi ubriachi di morte

    Non puoi davvero immaginare

    che cosa si deve fare a questo mondo

    per restare su due gambe quando si muore

    Non puoi sapere

    che anche i più coraggiosi muoiono a letto

    con il culo all’aria e la schiena impastata di piombo

    Non lo senti l’odor di cordite, solo del tuo Chanel

    e forse è un bene che sia così,

    altrimenti, Bambolina, su questa terra

    non ci sarebbe più neanche l’ombra della speranza

    Scrivo poesie

    perché vengono facili, più dell’orgasmo

    d’una donna pagata a ore

    e costano un bel niente a me e a chi le riceve

    Scrive poesie

    perché ho una mira che fa schifo

    Però adesso mi tocca d’andare a pisciare,

    altrimenti me la faccio addosso

    e un paio di mutande buone di ricambio

    io che sono povero in canna non ce l’ho

    Smaaackkk

    Beppe

  8. Ciao Vany, grazie dei tuoi baci dolcissimi.

    Spero che per te sia stata ua bella domenica e spero che tutto l’amore che descrivi nelle tue pagine possa esserti donato come tu lo doni ai tuoi lettori, perchè penso che faresti felice qualunque uomo, con la tua dolcezza e delicatezza, con la tua allegria e gioia di vivere :D

    e anche con quel pizzico di malizia che non fa mai male :)

    Bacio

    Andrea

  9. Ma tu sei proprio un tesorino.

    Non me la prendo, non più di tanto. ;-)

    Però è giusto che chi dice delle malignità finisca anche un po’ alla berlina, così la prossima volta ci penserà su due volte. Ma io nutro il sospetto che certe persone siano incapaci di migliorarsi.

    Bacioni, Piccola Cucciola

    Beppe

  10. ancora le scintille che sembrano non vogliano assopirsi, bagliori di stelle tremolanti, sussulti e brividi nella notte complice e quieta.

    Lei conosce il divenire, conosce tutte le nostre vite …

    buona settimana Vany :)

  11. Cara Vany, dopo la romantica (e appetitosa) cenetta di venerdì scorso non potevo fare a meno di soddisfare la tua richiesta ……..le mi labbra si posano sul tuo collo per assaggiarti e inebriarmi del tuo profumo

  12. coinvolto dalle parole

    travolto dalla passione

    attimi nei quali

    Piove leggero,

    nelle gocce d’autunno,

    profumo selvaggio

    del desiderio di te

    gocce rubate

    sulle nubi

    che si incontrano

    nel vento,

    lente come,

    il respiro del piacere,

    attimi rubati

    nei tuoi sorrisi

    di donna,di bimba

    bagnati

    ritroviamo,

    il profumo della passione

    sulle labbra

    della mia illusione

    un bacio,Giuse