Chiamate perse


Pubblicato il da

Il vento soffia gelido. Oggi ho avvertito freddo come non mai.
Non riesco a liberarmi della sua violenza ancora adesso.
Neppure l’acqua bollente mi restituisce calore al sangue.

Il telefono vibra.
Il display segna un’infinità di chiamate perse.
E’ lui. Ed io gli sfuggo.
Non so più che dire. Ci sono momenti in cui ho bisogno di star per conto mio. Come in questi giorni.
Arriva la pioggia dalle nelle nuvole nere che corrono veloci.

Ed il telefono vibra ancora.
Lo infilo fra i cuscini del letto, magari smette.

donna92ax3

11 pensieri su “Chiamate perse

  1. un attimo di raccoglimento per la tua vita che tra un’emozione e l’altra si vuole prendere una pausa di riflessione.

    Sii felice, su con la vita…..kisssssssss……

  2. Quando qualcosa finisce è difficile far staccare la spina… e forse è anche ingiusto pretendere dall’altro che smetta… ma il tempo farà passare tutto e l’indifferenza potrebbe aiutare…

    come ti capisco…

  3. io mi trovo in questa situazione esatta da un anno e mezzo. chissà se il cuscino smetterà di far vibrare anche i miei sogni un giorno…un abbraccio di solidarietà! :)

  4. Bello questo scritto.

    Io manderei un semplice sms con la richiesta di, almeno per il momento, non chiamare più. Non conosco le tue intenzioni future riguardo a questa persona, ma se immagini un qualunque futuro, magari solo una tenue amicizia, il silenzio completo non farà che esasperarne la sensazione di averti persa. Farti sentire, anche solo nel modo che ti ho scritto, potrebbe contribuire a fargli recuperare prima la sua traquillità.

  5. Cucciola, se è un pensiero autobiografico, spero sia storia passata…

    altrimenti… usa il silenzio per fare chiarezza dentro di te… e nel frattempo… usa un’altrascheda ;)

    ;****

  6. avra’ smesso

    dopo aver compreso

    che era un errore

    averti dato dolore

    solo un cuore

    ferito

    conosce lo spartito

    di lacrime e sangue

    e colpisce se stesso

    per ogni parola

    fuori posto.

    un bacio Giuse