Il potere del cibo


Pubblicato il da
87984Oggi dopo pranzo sono stata a Lucca nella pasticceria di Paolo: brizzolato, gentilissimo, affabile, mi ha fatto assaggiare prelibatezze.
Tornata a casa gli ho telefonato e gli ho dato una mia ricetta per una torta all’arancia. Lui pochi minuti fa mi ha richiamato per dirmi di avere avuto non pochi turbamenti. Ora gli sto facendo il filo.. un filo di parole, di amiccamenti simpatici, per avere da lui la ricetta della torta alle nocciole con salsa di zabaione calda.
Già me la vedo.. una torta fragrante con accanto un laghetto di zabaione.. aggiungo ancora un cucchiaio, no non basta, ancora uno.. e il laghetto si allarga fino ad arrivare alla torta.
La torta diventa un’isola dolce che si fa coccolare dalle onde del lago mentre lentamente si fa piccola piccola.. ed entra nella mia pancia cercando di placare l’intenso desiderio di golosità..
Il potere del cibo è così evidente e così alla portata di tutti che possiamo servircene non solo per sedurre, ma anche per essere sedotti….

*romantica*

Romantica Perla di francoluis


Pubblicato il da

"Romantica
distesa su un lago ghiacciato
dove il tuo profumo
germoglia
rovi di rose senza spine
e incanta
la natura intorno
che precipitosa si risveglia
carpendo
il battito del tuo cuore.

Lupi
che s’inchinano
al tuo passare
mentre vapori d’anime
si sollevano creando
arabeschi di cristallo
di forma antica
e di rara intensità.

Uccelli grigi
che mutano il colore
del loro essere
alla vista dei tuoi occhi
specchio
della profondità
dei tuoi pensieri.

Perla rara
in un mondo scuro
che colpita dai raggi
di una fredda luna
genera un sole
di immensa grandezza
i cui raggi
colmi di caldo sapere
ridanno vita
alle genti
dal cuore assonnato.

Romantica perla
misterioso oggetto
dal nome di donna
avvolta
in vesti incantate
e sospesa
tra sogno e realtà.

Mentre oggetto raro
sei
per l’occhio dell’uomo,
sei
tenera e infallibile certezza
per quel cucciolo d’uomo
che ha rapito la tua mano
mentre tiene teso il tuo cuore
e ti costringe
ad essere per lui
un amore."

francoluis


la mia inquietitudine


Pubblicato il da
88997
Toccami con il tuo fuoco.
Sfiorami  con i tuoi sensi
tesi ed inquieti.

Confondimi,
circuiscimi,
rivelati.

Fammi suonare con letizia
mentre mi riempi
gli anfratti più reconditi

e pace doni
alla mia inquietitudine.

*romantica*

Mi presento


Pubblicato il da

Se non rispondo a tono non è perchè non so cosa dire: voglio evitare.
Se sono triste non è la stanchezza: voglio qualche parola affettuosa e sincera.
Se faccio finta di non capire non è perchè sono stupida: ti lascio credere che tu sia più furbo.
Se cinguetto e parlo di sesso non è che sono una persona vuota: mi nascondo sotto la mascherina e ridooooo
P.s. in foto sono io..

*romantica*

quando taci


Pubblicato il da

romantica444 Dimmi cosa dici quando taci,
quando i tuoi occhi mi guardano
e la tua voce si fa silenzio.
Quando una piega traversa
la tua fronte per un solo attimo.
Quando i tuoi occhi ridono
sulla tua bocca morbida
o quando sorridi
e i tuoi occhi si fan di fuoco.

Dimmi cosa senti quando taci
c’è bellezza in quel silenzio.
Ascolta oltre il brusio.
Sdraiati dove il tempo si ferma.
E fa che t’irrompa con un si
desiderato.
Che ti scuota dalla pazienza
dell’attesa.
Imbrigliandoti all’orizzonte
d’un cuore che rinasce pazzo.
Quando è assetato di luce
e di passione.

Dimmi cosa pensi quando taci
Quando mi abbracci
forte senza parole
E mi accarezzi piano i capelli
cercando quella tenerezza
che per paura non vuoi dare.
Dimmi cosa provi quando taci
Mentre in silenzio ti bacio
sugli occhi e ti dico ti amo.
 

Romantica - Saganne - Ilavi


artista solitario


Pubblicato il da
Da un gruppo di persone sulla piazza usciva una musica di fisarmonica
mentre una voce cantava una canzone straniera
che, malinconica, si perdeva nella sera.
H
o voluto venire a vederti da vicino, artista solitario,
suonare in mezzo ad una piazze ogni tanto cantare su quella musica
come se parlassi solo con lei, e dattorno la gente ti guardava,
c
onvinta che la tua canzone fosse solo per quelli che ti ascoltavano
mentre qualcuno buttava un soldino che tu, non vedevi nemmeno,
perso comeri nel tuo cantare.


Ma ben guardandoti ho visto qualcosa che nessuno ha colto:
l
a bella canzone che cantavi veniva dal cuore, perchè tu cantavi la tua libertà,
e
ti bastavano quelle poche lire per il tuo vivere felice.
A
ddosso portavi la tua casa, dentro uno zaino di tela sbiadita ed un sacco a pelo arrotolato.
E
quando finivi la canzone ti passavi una mano tra i capelli,
s
offermandoti sulla fronte a cancellare quei pensieri
che ti riportavano gli occhi a doveri stato prima,
mentre la smania dandare ti spingeva allaltrove che avesti visto poi.

*romantica*


E’ musica correre sotto la pioggia..


Pubblicato il da

Con l’aria spensierata e ingenua di una bambina, i capelli che si muovono scompostamente, mentre mi affretto sotto le nuvole di una nuova estate un po’ distratta.
Mi diverto come se fosse con un gioco nuovo, la mente lontana, oltre la folla e fuori dal tempo, un sorriso allegro e disteso mi accompagna e mi illumina, mentre le gocce mi accarezzano il viso.
…Et tu marchais souriante
Épanouie ravie ruisselante
Sous la pluie…"
ewewesad
"…Tu souriais
Et moi je souriais de même…"
J. Prévert


Sono io è quella ragazza che corre sotto la pioggia?
Forse sono in ritardo, o corro verso l’amore…
Qualunque cosa mi attenda sarà il mio sorriso a aprire la strada, a dare colore al cielo, al di là delle nuvole.


*romantica*

 


mangiare poco


Pubblicato il da

E’ stato pubblicato una mia ricerca su una rivista americana "American Journal of Gastroenterology" in cui l’argomento erano gli effetti salute del Ramadan, il periodo in cui i musulmani osservano il digiuno dall’alba al tramonto. Questo argomento ha riacceso  dibattiti tra esperti gastroenterologi e nutrizionisti.
Il nostro stomaco è elastico e si dilata e contrae senza alcun problema. Va detto che ogni civiltà non solo quella islamica ha conosciuto forme di digiuno. Io aggiungo anche una motivazione scientifica. Dal punto di vista oncologico è indubbio che mangiare poco riduce il rischio di sviluppare tumori.
L’equazione è meno cibo = meno cancro.
Il cancro è una malattia provocata al nostro dna da fattori esterni, e tra questi ci sono sicuramente le sostanze che introduciamo nel nostro corpo attraverso l’alimentazione.
Percui riducendo la quantità globale del cibo non possiamo far altro che ridurre il rischio di ammalarci.
Quindi mangiare poco, il quando non è tanto importante.
Mangiare molti vegetali, carboidrati, grassi vegetali e poca pochissima carne.
Poi nella regola ogni tanto bisogna trasgredire con il cioccolato di cui sono una ghiotta sostenitrice.

pict2510B*romantica*

un gran casino


Pubblicato il da
Molti nascono ke sono già morti, altri vivono sinchè vivono l’illusione che il mondo sia cominciato con loro, vivono sinchè vivono un certo impeto, un certo ribollente miraggio.
C’è un tempo in cui tutto è possibile, in cui tutti possiamo davvero qualsiasi cosa.
E poi? Poi sorprendersi diventa sempre più difficile.



Basta un istante e una situazione finisce inquadrata tra il già vissuto e il già visto, i navigati della vita rischiano di guardare ai sentimenti come un sessuologo rischia di guardare il sesso, come un giornalista rischia di guardare un articolo, come un architetto rischia di guardare una casa: c’è una visione professionale che rovina ogni cosa, perchè anche della vita, ad un certo punto si diventa professionisti.
Si vive ogni nuova emozione sinchè non la si riconosce: ma prima di allora, anche solo per un attimo, un’ora, un giorno, un mese, si accende la segreta e disperatissima speranza che esista dell’altro da scoprire, da vivere. Il sempre nuovo e l’irripetibile esistono sempre, io lo so. E lo so che non è tutto solamente un gran casino: ma mi mancano le prove.

*romantica*

Wolfgang Amadeus Mozart


Pubblicato il da
vmL’estasi più inattesa e pura,
tra le note soavi,
i sorrisi di Wolfgang Amadeus Mozart,
essere rapita dall’intensità,
dalla passione, dal suono,
di un solo strumento,
che vibra all’unisono con le sue corde,
fino a farmi dimenticare il mondo intero,
e farmi perdere in sentieri melodici
che non smetterei mai
di ripercorrere.

*romantica*