Tra i rami, il mondo


Pubblicato il da
JGJHFFJMH Oggi è il compleanno del mi babbo, ed io ho preparato questa composizione floreale da mettere in centro tavola per il pranzo.
E’ un vaso con nessuna vocazione per l’acqua, ma con un intreccio (in rami di salice) molto avvincente. Qualcosa a metà tra zen e ikebana, con i rami più lunghi che, secondo la tradizione simboleggiano il cielo, quelli più corti la terra, gli intermedi e i trasversali l’uomo.

Che ne dite?? ;)

*romantica*

sono cambiata..


Pubblicato il da
44548464sadff2 Ho venduto il sole per avere la luna,
ho scambiato i giorni e le notti,
ho raccolto i minuti in ore,
mi sono macchiata le dita di inchiostro,
disegnando pensieri su pareti e lenzuola.
Mi sono arresa a certi momenti con l’anima e con gli occhi,
lasciandoli colorare di rosa,
ed è stato in quell’istante, che sono cambiata..

*romantica*


parole


Pubblicato il da
4bip8aaQuante inutili parole ogni giorno ascoltiamo.
Parole per inventarsi delle scuse, parole per uscire dall’imbarazzo
parole per attirare l’attenzione, parole per scherzare..
parole parole parole.
Bisogna apprezzare di più le sensazioni che riusciamo a provare,
dare ad esse il giusto valore e non sotterrarle sotto
valanghe di parole inutili
*romantica*

La vittoria di un Amore divino


Pubblicato il da
56545"..Giove ordinò che Mercurio andasse a prendere Psiche e la condusse in cielo: "Bevi, Psiche" le disse offrendole una coppa d’ambrosia "e sii immortale; nè mai Cupido si scioglierà dal vincolo che lo lega a te e queste saranno per voi nozze eterne."
All’istante fu servito un sontuoso banchetto nuziale: lo sposo era seduto al posto d’onore e teneva fra le braccia Psiche, poi veniva Giove con la sua Giunone e quindi, in ordine d’importanza, tutti gli altri dei.
"Poi fu la volta del nettare, il vino degli dei; e a Giove lo servì il suo coppiere, il famoso pastorello, agli altri, Bacco. Vulcano era mirabile cuoco, le Ore adornavano tutto di rose e d’altri fiori, le Grazie spargevano balsami e le Muse diffondevano intorno le loro soavi armonie.
Apollo cominciò a cantare accompagnandosi sulla cetra; Venere, bellissima, si fece innanzi danzando alla soave melodia di un’orchestra ch’ella stessa aveva predisposto e in cui le Muse erano il coro, un Satiro suonava il flauto, un Panisco soffiava nella zampogna. "Così Psiche andò sposa a Cupido, secondo giuste nozze e, al tempo esatto, naque una figlia, che noi chiamiamo Voluttà."

Tratto da
La favola di Amore e Psiche

II secolo dopo Cristo

*romantica*

un viaggio in mare


Pubblicato il da
070209 (9)
Guardo le immagini caleidoscopiche che si formano dentro me,
Ascolto le sensazioni correre nel mio corpo.

Mi ricordano un viaggio in mare dove si sente il vento che profuma di vita,
dove le onde ti colpiscono donandoti brividi a cui restituisci sospiri,
dove il calore del sole scalda l´anima,
dove l’orizzonte rapisce lo sguardo e da vita a pensieri infiniti,
dove è impossibile rimanere fermi e
a tratti senti che ti manca
la terra sotto i piedi.



*romantica*

le piccole cose


Pubblicato il da
175c2b6b3ec2298da340840f16cdc069Sono le piccole cose
la collana di margherite,
i piatti asciugati,
la cartolina inaspettata,
la tazzina di caffè che non avevo neppure chiesto..
sono queste le cose che mi commuovono di più.


*romantica*


la casa dei suicidi


Pubblicato il da
_1756372Oggi pomeriggio, stavo andando da un’amica con il mio ragazzo.
Avevamo parcheggiato un pò lontano per fare due passi ma mentre camminavamo a cominciato a piovere fortissimo.

Eravamo preoccupati e ci guardavamo intorno per cercare un posto in cui rifugiarci. Dopo qualche centinaia di metri di corsa, abbiamo visto, circondata da un giardino incolto, una villa disabitata.
La pioggia era sempre più battente e l’unico modo per ripararci era entrare ed aspettare che il tempo si calmasse.

Mentre facevamo un giro per vedere le stanze della casa, all’improvviso mi sono ricordata dov’eravamo finiti: me lo raccontava sempre mia nonna quando ero piccola. Quella era la casa dei suicidi.

Diceva che un giorno di pioggia si erano tolti la vita due ragazzi innamorati i cui genitori ostacolavano il loro amore. Proprio in quella casa. Solo dopo la tragedia le due famiglie fecero pace, ma dovettero poi lasciare la casa perchè i fantasmi dei figli li ossessionavano ogni giorno di pioggia.

Quando raccontai questa storia, il mio ragazzo scoppiò a ridere.. mentre io raggelavo solo al pensiero che potesse essere veritiera.

Mi ha tenuta stretta per rassicurarmi e mi sono resa conto di quanto fortunati fossimo a non dover essere obbligati a nascondere il nostro amore.

*romantica*

Libertà autentica


Pubblicato il da
061226 (24) Fino ad oggi, ho concepito l’amore come una sorta di implicita schiavitù.
Ho capito però che la libertà esiste solo quando è presente l’Amore.
Chi si sente libero, ama al grado estremo.
E chi ama al grado estremo, si sente libero.

Ognuno di noi è responsabile di quello che prova, e non può incolparne nessun’altro.
Questa è la Libertà autentica: avere la cosa più importante del mondo, senza possederla.
Oggi sono convinta che non si perde nessuno, perché non si possiede nessuno.


*romantica*


Pubblicato il da
 070209 (4)
A seconda delle nostre emozioni vediamo Magia e Bellezza.
Ma in realtà, Magia e Bellezza siamo Noi….


*romantica*