senz’anima


Pubblicato il da
bucaneve_800x600In molti dei nostri blog si parla di sogni, poesia, notti, libertà, luna, sole, stelle, mare.. ma invece cosa accade nella vita?
Accade che oggi in ospedale una signora del 1923 proveniente da una casa di riposo è deceduta dopo un ricovero di circa 10 giorni.
Sulla sua cartella, annotato, il numero di telefono del figlio.
Lo chiamo e lo informo dell’accaduto dicendo brevemente che la madre, dopo un’ora, sarebbe stata trasferita alla camera mortuaria.
Beh, non credevo alle mie orecchie. Mi ha detto che non poteva.
Gli ho chiesto dove vivesse, pensando fosse lontano, ma abitava ad un quarto d’ora dall’ospedale.
Diceva che non la voleva vedere, e che avrebbero fatto tutto le pompe funebri.
Dunque i nostri sogni ci portano a questo..?
Dopo una vita a produrre per mantenere figli e famiglia.. l’unico figlio che hai ti nega l’ultimo saluto..?
Beh, a volte gli esseri umani sanno essere senz’anima.

Comunque sia, amo i sogni perchè li considero progetti dei miei desideri.. e non smetterò mai di farlo

*romantica*

 

39 pensieri su “senz’anima

  1. …immagine teribilmente significativa…pianta che sembra voler piangere tristezza, ma l’uomo l’ho tramutata in macchina infernale di distruzione…

  2. ops. scusami, ma non avevo letto la lettera denuncia che hai postato accanto…Ho visto la foto e mi sono9 limitato a quella….

    Purtroppo,situazioni di

  3. Romantica cara,

    io non giudicherei il figlio di questa signora perchè potrebbe avere le sue valide ragioni per fare una scelta di questo tipo…Non tutte le madri sanno essere madri veramente…molte mettono al mondo dei figli e poi sono le prime loro a dimenticarsene…Sono convinta che un figlio, che si sia sentito veramente amato, ricambia sempre con lo stesso amore il proprio genitore…

    Ama e verrai amato…Ciao carissima e buona giornata.

    ps. grazie per le belle immagini!

  4. io sostengo che i genitori sono archi…e i figli delle frecce….ma a questo quì la punta gli si sarà coficcata nel cuore!!!.

    ….mah…meglio non giudicare e raccomandarlo a Dio.

    baci a te….bella la nuova veste….è DOLCE E GABBANA??

  5. ciao romantica perla, leggo spesso il tuo blog e devo dire che mi rispecchio molto in esso…è stupendo…ho appena aperto un blog, vorrei tanto aggiungerti fra gli amici…fammi sapere…un grande abbraccio…baci

  6. stiamo anestitazzando le nostre anime e quelle dei nostri figli…..

    la morte fa paura perchè pone un interrogativo profondo, ma che senso ha vivere?

    allora, dai di carriera, di avventure ma poi alla fine sei li da solo davanti a lei, ma almeno abbiamo vissuto senza Dio facendo dio noi stessi…..

  7. …che tristezza…

    che angoscia che mi mettono ‘ste cose…

    io penso che devo tutto ai miei genitori.

    devo tutto a loro.

    e sentire che capitano cose di questo genere.beh mi intimorisce.

    questa versione di somewhere over the rainbow è splendida…mi piacerebbe chi è la voce.

    bacio.

  8. Non posso credere a certe cose. Non posso credere che qualche vicissitudine della vita, per quanto amara possa essere, alla fine ti possa portare a non voler nemmeno vedere tua madre per darle l’ultimo addio. Eppure certe cose accadono. Paura? Non so… La vita della gente è densa e strana: ha percorsi che non immaginiamo. Ma non posso fare a meno di chiedermi se è possibile che ci sia una ragione recondita e infossata nell’anima che motivi una simile freddezza.Penny

  9. Io non giustifico nessuno, ma dico anche di non giudicare troppo in fretta. Che cosa tiene tanto lontano un figlio dalla madre? Che c’era tra loro? Che rapporto? Non lo sappiamo.

    In ogni caso, è di una tristezza estrema, morire così. Da non augurarlo a nessuno.

  10. Non possiamo giudicare dall’esterno il rapporto madre-figlio di cui parli.

    Tu hai una famiglia splendida che ami e ti amano. A te non accadra’ mai di essere dimenticata o di dimenticare i tuoi genitori.

    Ma quest’altro caso magari è diverso…

    La realta’ non è unica…. sono tante realta’. Alcune belle, altre infelici…

    E’ un mondo che necessita di cure… noi dobbiamo fare il massimo per renderlo migliore nel nostro piccolo

    Un bacio

    …ti penso sempre

  11. Ai tempi d’oggi non c’è rispetto per la vita, come può essercene per la morte?

    Una volta dopo il decesso di un anziano uomo trovato in casa sdraiato nel suo letto esanime, giunse la figlia che era stata chiamata per l’occasione. Ella dopo essersi presentata esclamò:”quel bastardo mi ha violentata da piccola… finalmente è morto!”…

    Storie di vita difficili da concepire, ma… tant’è…

    Besos dolcissima…

  12. I sogni sono fondamentali, ma a volte l’ingratitudine è sconcertante…

    Io l’avrei preso a schiaffi!

    In ogni caso era sua madre, la donna che con dolore l’ha consegnato al mondo.

    Baci.

    ^V^

  13. Piccola mio padre gestisce una casa di riposo e sai quante cose succedono di molto peggio? Vecchi lasciati lì, dai figli, dai nipoti che non li vanno mai a trovare e poi si lamentano anche…pensano solo alle pensioni da ritirare…è vergognoso guarda….ma ormai davvero nulla stupisce più…un bacione!!!

  14. Terrificante.

    Si dice che si viva in un’epoca “accellerata” dove non c’è tempo per niente…peccato..peccato davvero.

    Dimenticarsi da qualche parte il cuore….

    Un saluto

    Black♠

  15. che squallida persona. sarà stata impegnata al videopoker, al lotto alle otto, a farsi leggere le carte, le mani, la testa, a chattare in internet con qualche sedicenne.

    ha proprio fatto un piacere all’umanità a non presentarsi.

  16. Si,purtroppo quella persona fa parte della realtà,una minoranza mi auguro.Riguardo i sogni beh..quelli dovrebbero essere tutt’altra realtà.Ciao Romantica …a presto :D

  17. triste episodio, vero…

    ma i sogni sono davvero dei semi da realizzare… i semi sono sempre meravigliosi, sono la “potenza” e la gioia!!!

    io coltivo ancora un paio dei miei semini… e mentre li vedo che si schiudono cerco altri sogni da realizzare… che meraviglia!

  18. sono amareggiato per questa cosa,molto…

    inseguendo i sogni guardando il cielo non ci rendiamo conto di cosa abbiamo…e la realta’ e’ davvero dura molte volte.

    un bacio,Giuse

  19. allucinante! giuro, non ho parole…certo, non giudicare a volte non serve a descrivere quello che si prova dal di fuori…com’è possibile non GIUDICARE un atteggiamento che ci fa ribrezzo? Allora rimaniamo in SILENZIO…

  20. Romantica… la vita spesso è una telenovela sudamericana sfocata, ma a tratti è anche un giornata di Sole a Gennaio.

  21. Ke i sogni non siano alibi x la realtà!!

    Passa a sentir la mia musica e dimmi (okkio: nn c son solo gli ultimi post)!

    CiaU

  22. Hai ragione Perla. Fortuna però che ogni tanto si “sfornano” poesie di sensibilizzazione anche per questi casi, lasciando da parte i sogni ed i voli aaaaltii!!

    Un abbraccio a te Mela